Una Tradizione di famiglia.

In uno dei luoghi più affascinanti e ricchi di storia della Sicilia orientale, la fertile Val di Noto, nell’area della doc Eloro, zona tra le più vocate alla coltivazione del Nero d’Avola, si stendono le tenute Le Mandrie e Gaudioso, da generazioni di proprietà della famiglia del Barone Sergio.

Una storica azienda agricola che oggi, sotto la guida del Barone Giovanni Sergio, si trasforma in una moderna realtà del settore vinicolo. Un esempio perfetto di unione tra tradizione e tecnologia, con gli antichi caseggiati ristrutturati e riorganizzati per accogliere impianti di vinificazione all’avanguardia.

Dedizione e vocazione.

L’alta vocazione del territorio su cui le tenute sono adagiate e l’amore per la antica tradizione familiare hanno spinto la famiglia Sergio a dedicarsi con passione alla produzione vitivinicola con l’obiettivo di esaltare al massimo la qualità del più importante dei vitigni autoctoni; il Nero d’Avola che, in questa zona della Sicilia, trova la sua massima espressione.

Un altro importante cultivar presente nella tenuta è il Moscato di Noto, fortemente tipico di questo territorio. Inoltre alcuni appezzamenti vengono coltivati a vitigni internazionali.

Tecnologia della Natura.

I vigneti delle tenute sono disposti in un unico corpo. Il sistema di allevamento è a spalliera, con potatura a cordone speronato. La densità degli impianti è molto contenuta e la produzione media si attesta intorno ai 50 quintali per ettaro.

Ma i numeri e le tecniche di coltivazione, da soli, non riuscirebbero a spiegare il livello di qualità raggiunto dal Nero d’Avola e dagli altri vitigni in questa zona della Sicilia.

Le particolari caratteristiche del terreno e il clima generoso infatti contribuiscono a regalare alle uve allevate su questo territorio doti assolutamente uniche.

Lo staff tecnico.

Giovanni Rizzo, consulente enologico di provata esperienza, è il responsabile della qualità del vino ed ha il compito di curare tutte le operazioni di produzione (raccolta dell’uva, vinificazione e imbottigliamento).

Agisce in stretto contatto con il nostro agronomo Prof. Lucio Brancadoro, dell’università di Milano. Grazie al loro apporto professionale l’azienda ha potuto affrontare con successo la coltivazione e la lavorazione di uve di pregio come il Nero d’Avola, il Moscato, il Cabernet Sauvignon ed il Petit Verdot, con l’obiettivo di valorizzare al meglio le caratteristiche vitivinicole di questa zona della Sicilia.

VIDEO